Case in cemento armato e sismoresistenza | blog
296
post-template-default,single,single-post,postid-296,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.1,vc_responsive
 

Case in cemento armato: perché è il materiale edilizio migliore per edifici sismoresistenti?

Le case in cemento armato sono sinonimo di massima sicurezza

La casa è il luogo per eccellenza dove ogni persona deve sentirsi protetta e al sicuro, è l’investimento di una vita e allo stesso tempo lo spazio dove si riunisce la famiglia. Per tutti questi motivi è importante, già nella fase di progettazione, fare le scelte giuste per garantire a se stessi e ai propri cari le soluzioni migliori e più sicure.

Le incombenze da cui una casa deve poter assicurare tutela a chi la abita sono molte e di vario genere, una delle principali è il pericolo sismico. I sistemi costruttivi e i materiali che possono essere utilizzati per ovviare a questo problema sono innumerevoli ma una delle soluzioni migliori è l’utilizzo del cemento armato come materiale strutturale.

Vantaggi delle case in cemento armato

Il cemento armato è un materiale composto da un’armatura di tondini in acciaio interconnessi tra loro a formare una sorta di gabbia, che viene poi rivestita di calcestruzzo. La perfetta sinergia tra i due materiali dona notevoli vantaggi strutturali agli edifici:

  • Ottima resistenza alle sollecitazioni strutturali di compressione, trazione, resistenza flessionale e torsionale;
  • Massima durabilità nel tempo e agli agenti atmosferici delle strutture;
  • Buona resistenza al fuoco in caso di incendio.

Le case in cemento armato sono caratterizzate inoltre dall’ottima sismoresistenza dovuta alle caratteristiche peculiari di questo materiale, che permette alle costruzioni di resistere ai terremoti e proteggere sia le persone che i beni in essa contenuti. Per questi motivi Casa Flower propone abitazioni in cemento armato che garantiscano solo il massimo della sicurezza.

Case in cemento armato: una garanzia di sismoresistenza

Una delle caratteristiche fondamentali di un edificio deve essere la sua resistenza ad eventuali pericoli sismici. Spesso, nel linguaggio comune, si utilizza il termine “antisismico”, senza tuttavia conoscerne il vero significato e, ancora più spesso, si ignora invece il termine “sismoresistente”. È importante conoscere queste definizioni per prendere le giuste decisioni già in fase di progettazione della propria casa.

La progettazione strutturale degli edifici si svolge basandosi sul metodo degli stati limite, che sono le condizioni superate le quali la struttura non soddisfa più le esigenze per cui è stata ideata.

Gli stati limite sono classificati in due categorie:

  • Stati limite di esercizio (SLE): a seguire del terremoto la struttura nel suo complesso non deve subire danni significativi e l’edificio deve mantenersi utilizzabile;
  • Stati limite ultimi (SLU): a seguire del terremoto la costruzione, pur subendo perdita di rigidezza e gravi rotture, deve ancora mantenere un buon margine di sicurezza.

La principale differenza tra edifici antisismici e sismoresistenti consiste nel fatto che l’antisismicità considera unicamente gli stati limite di esercizio, mentre con la sismoresistenza vengono considerati nella progettazione sia gli stati limiti di esercizio, sia gli stati limite ultimi.

Il comportamento scatolare agisce come sistema sismoresistente

Le strutture in cemento armato sono caratterizzate da una buona resistenza alle scosse sismiche grazie al cosiddetto comportamento scatolare. Le pareti, infatti, sono capaci di sopportare in maniera ottimale le sollecitazioni orizzontali durante le scosse, ma hanno una minore resistenza a quelle ortogonali, caratteristica che però può essere trascurata. Il comportamento scatolare permette, infatti, una resistenza globale rilevante attraverso un solido collegamento tra solai e pareti: proprio come succede per una scatola, prendendo singolarmente ogni componente, la resistenza alle sollecitazioni è minima. Grazie alla salda unione di ogni pezzo la stabilità raggiunge livelli molto elevati. La presenza di un elemento orizzontale, il coperchio per la scatola, il solaio per un edificio, è un ulteriore elemento che permette l’aumento della resistenza.

Perché tutto ciò si realizzi è fondamentale che le pareti dell’edificio siano ben collegate tra loro: la necessità di ammorsamento tra pareti, solai e coperture consente una migliore distribuzione dei carichi verticali non solo nella zona di incidenza della scossa, ma anche in quelle limitrofe arrivando alla realizzazione di un sistema sismoresistente funzionale.

La sismoresistenza è data principalmente dall’utilizzo del cemento armato nella costruzione che permette una sicurezza impareggiabile per l’edificio, per questo Casa Flower assicura solo massima protezione progettando case in cemento armato.

Scopri maggiori informazioni sulle caratteristiche dei nostri progetti https://casaflower.it/vantaggi/